fbpx

Squadra mobile H

L’Associazione Culturale per l’Autogestione ha avviato un progetto che si articola in cinque azioni, che si realizzeranno all’interno dello spazio di via Risorgimento 21 a San Giuliano Milanese. Uno dei percorsi previsti prende la denominazione: “Dall’essere assistiti al prendersi cura dei più deboli. Progetti di avviamento al lavoro per adulti con disabilità e in condizione di svantaggio sociale”. Il progetto prevede l’inserimento lavorativo di persone alle quali verrà concessa una borsa lavoro. Queste persone saranno affiancate da personale educativo e si prenderanno cura del territorio e delle fasce sociali più bisognose.

Alcune delle persone inserite nel progetto hanno creato un gruppo, denominato Squadra mobile H, ed hanno iniziato a confrontarsi su alcune problematiche quotidiane, come quella della mobilità.

La persone con disabilità denunciano difficoltà di movimento sulle strade urbane e questo problema può essere capito solo con empatia e sostegno. Come affermano alcuni educatori coinvolti nel prgetto, “è l’ambiente a creare l’handicap a persone con difficoltà deambulatorie”.

Volontari di Associazione Culturale per l’Autogestione e di Squadra Mobile H, si sono uniti ed hanno organizzato una giornata, che ha previsto lo svolgimento di un percorso a bordo di una sedia a rotelle, domenica 9 Giugno u.s.

Come è andata?

Persone incluse nel progetto, con il sindaco di San Giuliano Milanese, hanno mappato i percorsi urbani affrontando ostacoli, buche, assenza di rampe …

Si è convenuto che in fase di progettazione, occorra pensare “concretamente” a non creare ulteriori barriere a chi quotidianamente ne affronta già tante. Dalle persone disabili a quelle anziane, senza dimenticare di favorire la mobilità sia delle mamme con i passeggini (rampe sui marciapiedi p.es.) sia delle biciclette.

Redazionale da un un testo a cura di Manuel Leoni, Associazione Culturale per l’Autogestione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: